Categoria: Famiglia

Capsule compatibili e caffè biologico

Capsule compatibili e caffè biologico

Il caffè biologico ha la caratteristica di contenere meno acidi e una maggiore concentrazione di sostanze nutritive a beneficio del corpo. Quando pensiamo al caffè o a qualsiasi altra bevanda o cibo, ci piace sempre avere scelte salutari che ci forniscano qualcosa in più in termini di nutrizione e benessere meglio ancora se utilizziamo le  capsule compatibili Nespresso. Il caffè è una delle nostre bevande preferite, e porta importanti benefici a causa del suo contenuto di caffeina, ma non possiamo dimenticare che come qualsiasi altra bevanda ha certe cose che possono influenzare la salute a lungo termine.

Capsule compatibili e caffè biologicoL’ importante è conoscere l’ origine dei prodotti che consumiamo; abbiamo tutti sentito dire che ultimamente i prodotti biologici hanno avuto un grande boom e questo è proprio a causa del modo in cui vengono prodotti dopo la loro coltivazione.

I prodotti ricevono questa distinzione per un unico motivo, ad esempio, il Caffè Biologico è così chiamato perché è fatto senza l’ uso di sostanze chimiche come pesticidi, fertilizzanti e pesticidi; i fertilizzanti utilizzati sono fatti di materia organica e sotto stretto controllo di qualità. E’ importante anche parlare dei benefici che questo tipo di caffè apporta alla nostra salute; il caffè organico ha la caratteristica di contenere meno acidi e una maggiore concentrazione di nutrienti, attributi che sono generalmente visti con occhi buoni in termini di salute.

Un grande vantaggio del Caffè Organico è che contiene più alti livelli di minerali (rispetto al caffè normale) e contiene una maggiore concentrazione di antiossidanti, che aiutano a combattere gli effetti dell’ invecchiamento.

Infine, non possiamo mettere da parte la caffeina. Questa sostanza è molto lusinghiera se consumata in quantità normali di caffè normale (2 o 3 tazze al giorno), altrimenti può causare alterazioni del sistema nervoso e aumentare l’ ansia. La cosa importante nel caffè biologico è che contiene piccole quantità di caffeina, il che rende più facile controllare i livelli che consumiamo di questa sostanza, soprattutto se normalmente beviamo caffè in grandi quantità.
Ci sono molte ragioni per preferire il caffè biologico a quello tradizionale. Il caffè biologico viene coltivato senza l’ uso di fertilizzanti chimici, pesticidi o erbicidi. Questo lo rende un caffè più sano rispetto a quello tradizionale. La componente ambientale è importante anche per valutare le qualità del caffè biologico. La sospensione dei metodi dannosi per l’ ambiente contribuisce a ridurre l’ inquinamento causato dall’ agricoltura. Non dimentichiamo che il caffè è per molte persone un bene comune, quindi un cambiamento di mentalità sul caffè che si consuma in una buona parte della popolazione mondiale porterebbe grandi benefici all’ ecosistema globale.

La semina e la coltivazione di caffè biologico ha enormi benefici sia per la conservazione dell’ ambiente che per la tutela della salute. Le proprietà del caffè biologico non differiscono dai benefici per la salute del caffè tradizionale. In particolare, mette in evidenza i suoi effetti stimolanti sul sistema nervoso centrale, oltre all’ elevato contenuto di antiossidanti che potrebbero ritardare il processo di invecchiamento.

D’ altra parte, le sue proprietà medicinali sono state studiate per inibire la progressione di malattie come il diabete, il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e la cirrosi epatica. Tuttavia, poiché contiene caffeina nella sua composizione, il suo consumo non deve essere abusivo e possono verificarsi circostanze in cui è totalmente controindicato o ne limita l’ uso. Questo è il caso dei pazienti con ipertensione arteriosa, bambini piccoli e donne incinte che, come altri tipi di alcaloidi, non devono superare l’ assunzione.

Scuola pubblica Torino recupero anni scolastici

Se hai abbandonato la scuola e gli studi anni addietro o hai avuto qualche inconveniente durante il tuo percorso scolastico, con Istituto Impariamo puoi recuperare gli anni scolastici, il tempo perso e conseguire il tuo Diploma on line. Attraverso servizi strutturati se lo vorrai, possiamo farti anche recuperare fino a 4 anni scolastici.

Il percorso è personalizzato ed ottimizzato per ogni studente, attraverso una curata pianificazione dell’attività didattica più congeniale alle capacità di apprendimento ed esigenze dello studente, che valutiamo in un colloquio di orientamento. Monitoriamo i progressi dello studente, interagiamo con lui e la famiglia durante l’anno in modo tale da poter valutare in itinere, anche modifiche sulla pianificazione così da permettere un lavoro mirato e personalizzato alle esigenze del discente.

Istituto Impariamo ti aiuta a recuperare il tempo perso e a diplomarti nell’indirizzo di studi da te scelto.

RECUPERO ANNI SCOLASTICI PER STUDENTI

I corsi di recupero anni scolastici attivati Istituto Impariamo mirano a sviluppare e valorizzare le peculiarità del singolo studente al fine di poter raggiungere l’obiettivo prefissato ad inizio anno.
Iscriversi ad un corso di recupero anni scolastici dell’Istituto Impariamo , non significa per forza abbandonare definitivamente la scuola pubblica tradizionale. Capita a tutti di sbagliare, soprattutto quando si è giovani, per questo molti studenti riconoscendo gli errori commessi nei precedenti anni scolastici, attivano i nostri percorsi di recupero, in modo da poter recuperare il tempo e le nozioni perse e rientrando, se lo si desidera, nella scuola statale in linea con i propri compagni di corso.

RECUPERO ANNI SCOLASTICI E DIPLOMA PER ADULTI

Recuperare anni scolastici e conseguire il Diploma di Stato nei casi in cui si abbia abbandonato gli studi da anni, richiede un’accurata pianificazione del percorso.
A seguito di colloquio orientativo, viene elaborato dalla didattica di Istituto Impariamo un programma ad hoc per ogni studente in modo tale che possa, attraverso un programma completo e mirato, conciliare il proprio tempo ed altri impegni con lo studio, in modo da poter superare senza problematiche gli esami finali del suo percorso e conseguire un Diploma di Stato che possa ampliare le opportunità professionali.

FREQUENZA CORSI DI RECUPERO ANNI SCOLASTICI

L’Istituto Impariamo viene incontro alle esigenze di tutti, soprattutto quegli studenti che necessitano di conciliare lo studio con gli impegni agonistici e con il lavoro. Nessun vincolo ed obbligo di frequenza è necessario.

Mettiamo in condizione ogni nostro studente di poter scegliere quando e dove seguire le lezioni per poter recuperare gli anni scolastici e conseguire il Diploma.

La presenza è necessaria ed obbligatoria, solo per il sostenimento degli esami finali per il recupero di anni scolastici.

Cos’è un centro per il recupero degli anni scolastici? Come funziona? Chi ci lavora?

È un’azienda come un’altra. Un’azienda che, per sopravvivere, deve assicurare ai suoi clienti un certo risultato. Nel contratto che viene stipulato si garantisce al cliente, nel caso di bocciatura, la gratuità del successivo anno di studi: di fatto, il rischio è minimo, la promozione è quasi assicurata. Il corpo docenti è formato da laureati che non hanno trovato spazio nella scuola pubblica. Di solito vengono assunti con contratti a tempo determinato o a progetto; l’azienda preferisce che abbiano la partita IVA. Sono quindi dei collaboratori pagati a ore. La maggior parte di loro ha un’altra attività, anche se la direzione tende a dare l’orario pieno a tutti, in modo da avere un corpo insegnanti ridotto. Succede così che un laureato in Lettere insegni italiano, storia, geografia, filosofia e storia dell’arte per classi di liceo scientifico o geometri, che vanno dalla prima alla quinta. Nella scuola pubblica una cosa del genere è impossibile: qui invece si può, dato il livello generalmente basso delle lezioni.

Torino: consigli per il recupero degli anni scolastici

recupero scolastico Torino

Cosa possono fare i genitori se il figlio deve recuperare un anno scolastico?

Analizziamo lo scenario peggiore: non hai detto niente ai tuoi genitori è arrivata la pagella e i tuoi genitori non riescono a immaginare come sia possibile che tu abbia perso l’anno. Beh, questo è esattamente quello che è successo a Gustavo, un giovane di 20 anni che attualmente frequenta il primo semestre su www.istitutoimpariamo.it

“E ‘stato un duro colpo per loro e anche se in quel momento non volevo accettarlo, anche per me. Mi sentivo male perché i miei genitori mi avevano punito per aver perso l’anno, ma poi ho capito che anch’io mi ero deluso “.

Gustavo perse il decimo anno in una grande scuola della città. I suoi genitori, oltre ad essere arrabbiati, furono anche molto delusi e iniziarono a dubitare delle loro qualità per prendere in mano gli affari di famiglia.

“Era qualcosa che sbagliavamo anche noi, perché non gliene davamo un’altra possibilità. Anche il suo atteggiamento ci ha fatto sentire così, perché non è stato toccato perché aveva perso l’anno “, dice sua madre.

La delusione dei suoi genitori è stata tale, che hanno deciso di non pagarlo un altro anno di studio e iscriversi a un programma di Inglese negli Stati Uniti. “L’idea era di lavorare negli Stati Uniti e imparare la lingua”, spiega sua madre.

All’inizio fu difficile per Gustavo non solo per l’ambiente e perché non era mai molto bravo a gestire la lingua inglese, ma perché la sua autostima Era stato colpito. Ma perché aveva perso l’anno? Non capisco, ha avuto problemi, pigrizia?

La psicologa Carolina Dulcey sottolinea che i genitori dovrebbero prima esplorare le ragioni per cui il loro figlio ha perso l’anno e, prima ancora, non aspettare fino alla fine per ricevere questo tipo di notizie . “I genitori hanno l’obbligo di essere molto consapevoli della vita dei loro figli”, dice, ma anche i ragazzi e le ragazze devono superare la paura di parlare con i genitori e affrontare la situazione. “L’adolescenza è un’età difficile da prendere decisioni, ma con la guida dello psicologo scolastico e degli insegnanti, il giovane deve, prima che tutto vada perso, parlare con i genitori e dire loro che le cose non stanno andando bene accademicamente” , sottolinea.

Ma, cosa succede se non c’è più nulla da fare?

“I genitori hanno già una strada tracciata e cioè che devono dare un sostegno morale al ragazzo o alla ragazza, se davvero ci provano, e devono riconoscere quando il La pigrizia entrò in azione e intervenne sulla questione. In entrambi i casi, dobbiamo lavorare sui motivi per cui la parte accademica ha fallito “, conclude lo psicologo.

Ma, quale parte tocca gli adolescenti?

La sincerità è fondamentale : Non ti piace la scuola? Hai problemi con i tuoi compagni di classe, con gli insegnanti? Eri pigro? Non eri motivato? O, anche questo deve essere riconosciuto, sei troppo viziato?

La vita pone situazioni in cui a volte falliamo e qualche volta ci riusciamo. Perdere un anno scolastico è difficile, non dovremmo negarlo, ma non è insormontabile se agiamo con sincerità su ciò che ci ha impedito di raggiungere questo risultato.

Parlare con i genitori

1 Affrontare una conversazione su I fallimenti accademici con i genitori possono essere difficili, ma l’importante è farlo in tempo. Camilo Cifuentes, psicologo specializzato in giovani, dice che ci sono delle strategie per farlo. Il primo sarebbe farlo nel momento giusto. “Non quando i genitori sono offuscati, stanchi o disgustati per un’altra ragione.”

2 Cifuentes afferma anche che “non è bene iniziare questa conversazione senza dare una soluzione. Ad esempio, il giovane può dire mamma, papà, ho bisogno di un tutor, davvero non faccio bene in questa faccenda “.

3 Lo specialista assicura che è anche utile parlare sinceramente dei difetti o della mancanza di motivazione nello studio. “I genitori mettono molta pressione sui bambini per seguire una determinata destinazione”. Se i tuoi genitori si aspettano qualcosa da te, sarebbe più deludente se non parli in tempo e spieghi che le tue aspettative non sono le stesse delle loro.

4 Una raccomandazione sarebbe anche quella di affidarsi al genitore con cui ti senti più sicuro e di escogitare sia un modo per affrontare il problema.

5 Camilo Cifuentes raccomanda anche ai bambini “di non parlare da soli con uno dei loro genitori, ma con entrambi. Ciò mostrerà agli adulti che il problema è importante e che insieme possono trovare una soluzione “.

6 È meglio affrontare la questione in modo positivo, con speranza per il futuro e senza incolpare i genitori di ciò che accade. Se l’adolescente sente di aver bisogno di più sostegno da parte degli adulti, dovrebbe dirlo con rispetto e senza rimproveri.

7 È importante respirare e riflettere prima di parlare. Aspetta di essere calmo e senza angoscia. Tutto può essere superato.

 

“È importante chiamare i genitori in modo che all’inizio dell’anno scolastico stabiliscano obiettivi con i loro figli e analizzino come hanno fatto l’anno precedente. Anche se l’anno precedente sarebbe andato bene, i ragazzi e le ragazze in adolescenza sperimentano un cambiamento nelle loro emozioni, e questo può influenzare il rendimento scolastico, quindi un anno non sarà uguale all’altro. In un certo senso, è importante dare all’adolescente la sicurezza e la sicurezza che può fallire accademicamente se lo fa per motivi potenti e non per pigrizia. Quando inizi a scoprire che l’adolescente viene messo sotto pressione dal medium, dai cattivi amici o dai tuoi stessi cambiamenti, devi affrontare il vero problema e non solo guardare la pagella e punire i numeri.

 

Torino. come scegliere l’asilo nido

Prendere la decisione giusta sulla scelta di un Asilo nido  è una grande responsabilità per i genitori che sono separati dai loro figli per la prima volta. Il trauma della separazione del bambino è aggravato dalla preoccupazione per la cura che riceveranno. Per questo motivo, è necessario essere chiari sulle proprie priorità quando si sceglie un asilo nido o un asilo nido per i propri figli. Si dovrà valutare quali fattori sono più importanti in quella scelta a seconda dell’organizzazione familiare. Le diverse opzioni che i genitori studieranno saranno determinate dalle loro priorità: la vicinanza del centro alla loro casa, la formazione degli insegnanti, le misure di sicurezza del centro educativo www.lisoladeitesori.com , il tipo di progetto educativo, l’esborso economico che suppone, così come se è una scuola privata o concertata.

Linee guida per l’elezione dell’asilo nido o della scuola materna

Torino come scegliere l'asilo nidoIl passaggio dalla casa all’asilo o all’asilo dovrebbe essere fatto gradualmente e tenendo conto di una serie di considerazioni precedenti. Pertanto, la cosa importante quando si prende questa decisione è raccogliere informazioni sufficienti su vari asili o scuole materne. Per questo, è necessario prendere in considerazione una serie di fattori che li definiscono e segnano la futura scelta dei genitori:

1. Sicurezza dei bambini: i genitori vogliono che i loro figli siano in uno spazio sicuro, quindi è necessario consultare i regolamenti che sono in atto e controllare che l’asilo nido lo incontri: finestre con vetri infrangibili, porte con un sistema di sicurezza per evitare incidenti, piccoli oggetti e materiali tossici fuori dalla portata dei bambini, ecc.

2. Formazione degli insegnanti: La qualità degli insegnanti è importante in qualsiasi fase educativa, ma quando si tratta di bambini tra 0-3 anni, la preoccupazione del padre per la formazione degli insegnanti è ancora maggiore. Coloro che si prendono cura dei più piccoli (0-3 anni) devono avere almeno un certificato di asilo nido, impossibilitato a frequentare più di 8 bambini per classe quando sono con bambini fino a un anno di età. Quando si tratta di bambini di 1-2 anni, sono ammessi 13 bambini per classe, mentre 2-3 studenti possono essere trovati per classe.

3. Ideologia del centro: i genitori devono identificare qual è l’ideologia del centro e decidere se sono d’accordo con esso. L’ideologia definisce il tipo di persona che vuole essere formata e costituisce quindi uno degli elementi più importanti da prendere in considerazione al momento dell’elezione.

4. Progetto educativo: i genitori devono decidere quale progetto educativo preferiscono per i loro figli. Per questo, devono conoscere il tipo di apprendimento che avviene in classe (partecipativo, meccanico o creativo) così come gli strumenti a disposizione degli insegnanti (nuove tecnologie: lavagna digitale, ecc.) Che segneranno il modo di apprendere dello studente .

5. Livello accademico e profilo dello studente: è importante conoscere il profilo dello studente con il quale i bambini condivideranno l’aula, nonché il rapporto tra gli studenti per classe oi risultati accademici degli studenti.

6. Attività extrascolastiche: è necessario sapere se l’asilo nido o l’asilo nido hanno attività complementari che aiutano il bambino a sviluppare altre capacità oltre a quelle sviluppate in classe, purché queste non diventino un’occupazione per il bambino mentre i genitori sono al lavoro.

7. Ufficio psicopedagogico: L’esistenza di un dipartimento di orientamento è essenziale per affrontare i futuri problemi di apprendimento e ancor più per la sua diagnosi precoce.

8. Posizione del centro e ora: la situazione del centro e il programma dello stesso devono consentire al bambino di rendere la scuola compatibile con il gioco giorno per giorno senza ridurre la qualità della vita.

9. Servizi: i genitori dovrebbero anche tenere conto dello stato delle strutture del centro, vedere se sono curati e adattati ai loro figli e se il centro ha una varietà di infrastrutture che permettono allo studente di svolgere varie attività. , per molti genitori sarà importante sapere se il centro ha un servizio di percorso per coloro che non possono portare o prendere i loro bambini al centro, sala da pranzo (e la sicurezza che il menu può essere adattato ai bambini se ce n’è uno alcuni diagnosticati problemi alimentari) o attrezzature mediche che possono trattarli.

10. Visita all’asilo o all’asilo: Infine, è essenziale che i genitori visitino il centro per vedere di persona cosa è, come è il team educativo o se i loro figli sarebbero davvero gusto in un centro di quelle caratteristiche.