Dal sito Repubblica.it

ROMA – “Presidente, mi interrompono”. “E’ naturale, e poi dipende da cosa si dice…”. Botta e risposta, in aula, tra Antonio Di Pietro e Gianfranco Fini. E prima polemica per il neopresidente della Camera.
A Montecitorio Silvio Berlusconi ha appena finito la sua replica dopo il dibattito sulla fiducia. Cominciano le dichiarazioni di voto. Tocca a Di Pietro. Il suo intervento è molto duro nei confronti del premier. Piu’ di una volta l’ex pm viene interrotto da deputati della maggioranza. ”Lasciatelo parlare”, dice Fini rivolto ai suoi ex compagni di schieramento. Ma il leader dell’Idv, nuovamente interrotto, si rivolge direttamente a Fini chiedendo un suo intervento.
E’ a questo punto che il presidente pronuncia le parole che scatenano la polemica: “Onorevole Di Pietro lei sa che e’ abbastanza naturale che ci siano interruzioni”. Anche se, aggiunge, ”dipende da quello che si dice”.
Immediata la replica: ”Ha ragione signor presidente, dipende da quello che si dice perché non bisogna disturbare il manovratore…”.
Botta e risposta rapido e dai toni secchi, ma non è finita qui. Subito dopo Di Pietro, infatti, interviene per la sua dichiarazione di voto l’ex presidente della Camera e leader dell’Udc, Pierferdinando Casini. Che inizia proprio rivolgendosi a Fini: “Dissento da ciò che ha detto Di Pietro, ma le ricordo che i parlamentari non possono essere sindacati nelle loro opinioni. Anche perché sarebbe un precedente pericoloso”.

“Una scivolata provocata dal fatto che è la prima volta per lui, non voglio pensare che è un istinto per il partito cui è appartenuto”, commenterà alla fine l’ex pm. “Non voglio criminalizzare un comportamento che è stato un errore di conduzione. Una seconda chanche non si nega a nessuno”.

L’interessato, in Transatlantico, cerca di chiudere la questione. E si trincera dietro un no comment. E ai cronisti che gli chiedono una opinione sulle affermazioni di Casini replica: “Lei da quanto tempo sta qua? Perchè fa domande fuori luogo…le pare che io esco fuori per commentare?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *