Infine, è importante notare che la maggioranza degli intervistati, il 76%, prende la decisione finale di alloggiare in coppia; Il 18% decide da solo; e nel 6% delle volte, l'uomo è colui che determina l'ultima parola.

Nel 2015, secondo Inegi Intercensal Survey, furono contate circa 22 milioni di case private abitate, cioè case in cui proprietario o proprietario legale o de facto. Di quel numero, il 91,3% corrisponde a case in cui c'è un solo proprietario. Per sesso, la maggior parte dei proprietari di case private erano uomini (56%) e solo il 35%, donne. Il divario è ancora considerevole, ma a poco a poco donne e madri prendono le redini nella costruzione del loro patrimonio.

Profilo delle donne intervistate

Le donne intervistate coprono un ampio fascia di età: il 31% ha 30-39 anni; 26% da 40 a 49 anni; 15% da 21 a 29 anni; 16% da 50 a 59 anni; Il 6% da 18 a 20 anni e il 6% un'età di 60 anni.

D'altra parte, il 94% degli intervistati vive attualmente con il proprio partner, mentre il 6% no. Di questi, il 66% è sposato; Il 27% vive in un'unione libera; 5% il singolo; 1% di vedove e 1% di divorzi.

Il sondaggio mostra che il 53% delle madri ha 2 figli; Il 21% solo uno; Il 18% ha tre figli; Il 6% ha 4 figli e il 2% ha 5 o più figli

Il livello di istruzione del 58% di loro è di livello universitario; 20% livello medio-alto (scuola superiore); Il 15% ha una laurea; e il 7% ha studiato fino al liceo. Infine, il 49% è impiegato; Il 28% delle donne d'affari o ha un'attività in proprio; Il 12% è dedicato alla casa; e l'11% ha livelli dirigenziali o manageriali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *