Quali sono i documenti che possono essere utilizzati per questo?

  • Ricevute telefoniche fisse (il servizio di telefonia cellulare non funziona)
  • Prove di società che costituiscono il sistema finanziario messicano (conto di risparmio, assegni, investimenti, banche) )
  • Buoni che emettono case commerciali (credito Liverpool, Iron Palace, Suburbia, tra gli altri, la tua ricevuta da Sky, Cablevisión, ecc.)
  • Serve anche la tua tessera elettorale emessa dall'IFE, o l'attuale INE, finchè il tuo nome appare, come venditore, e i dettagli della proprietà che venderai o venderai.

È strettamente necessario che questi buoni siano intestati al contribuente venditore, al suo coniuge o marito, ai suoi ascendenti o Discendenti, dice il presidente del National College of Notaries messicani.

Molto, il biglietto di proprietà, il buono dell'acqua o la scrittura della casa non funzionano.

Cosa succede se non conti? n quei documenti?

Se stai per vendere, ma non hai nessuno dei documenti menzionati, non preoccuparti, non significa che perderai l'opportunità di esentare il pagamento. In tal caso, il notaio deve effettuare un calcolo tenendo conto dell'atto di proprietà del venditore, che, in linea di principio, è un elemento sufficiente per ottenere informazioni su quando il proprietario dell'immobile acquistato ea quale prezzo.

Buoni digitali sono anche fondamentali per non pagare di più in tasse.

"A partire dal 1 marzo 2014, ogni persona che vende e chi pagherà le tasse deve avere una ricevuta fiscale digitale online, un CFD o una fattura elettronica, oltre a un elemento aggiuntivo chiamato complemento che serve a dimostrare quando e quanto una persona ha acquistato. Se non hai questo elemento, pagherai molto di più in tasse di una persona che possiede queste informazioni documentarie elettroniche ", afferma Manzanero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *